La Piramide della Ricchezza e perché devi “abbandonare i poveri” prima di affogare con loro

La piramide della ricchezza si compone così (immagina questi dati come una piramide che si allarga man mano che va verso il basso):

  1. UHNWI (i super ricchi): in Italia sono 35;
  2. HNWI (i ricchi): in Italia sono circa 230.000;
  3. Alto reddito: nuclei familiari con guadagni annui sopra i 200.000€;
  4. Classe media: nuclei familiari con guadagni di 80.000€ l’anno;
  5. Basso reddito: nuclei familiari fino a 25.000€ l’anno;
  6. Poveri: nuclei familiari sotto i 25.000€ l’anno;
  7. Indigenti: sotto la soglia della sopravvivenza.

Ora, te lo rispiego: pur essendo povera e indigente, una fetta importante della popolazione — cioè circa 17 milioni a fronte di 60 milioni di abitanti — non è “TUTTA L’ITALIA”.

Fare i prezzi della propria attività pensando alle fasce di reddito 5-6-7 è una FOLLIA.

Queste persone o non comprano, o se comprano da te lo fanno solo se vendi sottocosto (come la maggior parte dei ristoratori incompetenti con i numeri, che infatti falliscono come mosche e che sopravvivono per un po’ solo grazie all’illusione datagli dal nero).

Nessuna PMI italiana può sopravvivere targettizzando la fascia larga ma povera della popolazione. Lo ripeto, nessuna PMI.

Da una parte hai la concorrenza dei colossi, di internet, di Amazon, dell’Eurospin, dei discount, di IKEA ecc.

Dall’altra, a livello ancora più piccolo, hai la concorrenza del cinese, dell’indiano, del pakistano e dell’egiziano che non puoi battere nella battaglia del prezzo per motivi che è inutile ribadire.

L’unica possibilità di sopravvivenza che hai è quella di riprogettare i tuoi prodotti e servizi, non vendere commodity, non rivendere prodotti di altri che possono essere comprati a meno online o nei discount e targettizzare le fasce di reddito da 1 a 4. Stop.

Se la tua azienda non è in grado di attrarre quella fascia di clientela, significa che sei già morto o morirai presto.

Fare i prezzi pensando ai “poveri” renderà la tua azienda povera e indigente, incapace di crescere e di investire.

Non si fa impresa in Italia pensando ai basso-spendenti, e adattandosi e adattando i propri prezzi ai basso-spendenti.

Ci sono già colossi che lo fanno, internet che lo fa e concorrenti che possono permettersi di sostenere quei prezzi.

Una piccola impresa italiana non ce la fa.

Non ha i volumi, non ha i margini, non ha la capacità di acquisto.

Vuoi fare la fine dei pizzaioli che falliscono perché vendono la margherita a 4 euro e mezzo, quando non si rendono conto che a loro costa 5€ farla uscire dal forno?

Dai, è facile:

Vendi ai ricchi = imprenditore ricco

Vendi ai poveri = imprenditore fallito o povero

Come fai a cambiare completamente pelle alla tua azienda e lasciare il mercato della povertà che ti condannerebbe ad affogare e al fallimento certo?

Esiste una formula testata, provata, garantita che può condurti per mano nel realizzare i tuoi sogni imprenditoriali.

Scoprila cliccando sul bottone QUI sotto! 

 

Rock ‘n’ Roll!!!

 

Frank

 

2 Commenti. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu